Un carnevale di multiculture

Felice di aver dato una mano per:

Una settimana di riflessione sull’uomo e la scienza – Incontri multiculturali a Faenza

6-10 Febbraio 2013
al Palazzo delle Esposizioni
Corso Mazzini, 92 – FAENZA (RA)

UN CARNEVALE DI MULTICULTURE

Mercoledi 6.2.
ore 20.00
“Incontri-laboratorio internazionale di cinema e teatro”
Presentazione delle prime tappe del progetto realizzate in Brasile e Bolivia e introduzione al laboratorio faentino a cura di TEATRO DUE MONDI.

Giovedì 07.2.
ore 20.00
“Europa nella scuola multiculturale”
I quattro Istituti Comprensivi di Faenza – Carchidio, Europa, Matteucci e S.Rocco – presentano i Progetti Comenius delle scuole del primo ciclo.

Venerdì 08.2.
ore 20.15
“JINGDEZHEN – Prove tecniche di gemellaggio”
Presentazione di Jingdezhen, capitale della porcellana in Cina, con il sindaco Giovanni Malpezzi, il referente dei rapporti istituzionali Faenza-Jingdezhen Giuseppe Olmeti,
il professor Rolando Giovannini e le ceramiste Antonella Cimatti e Mirta Morigi.

Sabato 09.2.
Giornata riservata agli alunni delle Scuole Elementari

ore 15-19
• Artisti, volontari, genitori italiani e stranieri creano insieme ai bambini maschere, travestimenti….
• Laboratori di danza africana, teatro, origami, trucco, lana
• Pausa merenda, offerta da genitori e sostenitori
• “Parata” con gli elaborati – musica e danze

Domenica 10.2.
Giornata per i “Grandi”

ore 10-13
• La Medicina Tradizionale Cinese – teoria e pratica
• Agopuntura, Tuina, Erbe, Alimentazione
• Tai Ji Quan, Qi Gong, Kung Fu….

pranzo multietnico
(In collaborazione con il Rione Verde)

ore 15-20
• Laboratori di maschere
• Musica, danze, canti e “tanta allegria”

presentato da:
La Libera Università per Adulti di Faenza
in collaborazione con Comune di Faenza, Associazione Gemellaggi, Consulta degli Immigrati, Ente Ceramica, Teatroduemondi, Istituti Comprensivi di Faenza, Casa del Sole, genitori ragazzi down, e.spazio 23, Knitting Relay, Mani Tese, Insieme per Crescere, Faenza Multietnica, Slow Food, Scuola di Musica Sarti, Scuola di danza “Le Fronde”, Rione Verde

Poesia&cibovino

 

Anche quest’anno lo Zingarò e Libera Accademia degli Evasi presentano il ciclo di incontri sulla poesia, dal titolo:
Le 4 stagioni_
rivedute e corrotte (Vivaldi Style)

14 febbraio – 11 marzo 2013
serate poetico/eno/gastronomiche

FEI si fa materiale

A conclusione del progetto FEI (vedi anche articolo precedente) si è racchiusa l’esperienza, con materiali informativi e dati, all’interno di un dvd personalizzato_
insomma: esperienze che divengono…….. materiche (e utili!)

Studio Verde e le praterie…

A cura di Studio Verde venerdì 8 Giugno 2012 – dalle ore 9.30 – a Santa Sofia (FC), presso il Centro Culturale Sala S. Pertini, si terrà l’ncontro pubblico su “LA GESTIONE DELLE PRATERIE NELLE MONTAGNE APPENNINICHE” nell’ambito del progetto “Recupero di habitat di prateria e realizzazione e manutenzione di strutture per piccoli anfibi”.

Mandato in stampa il lavoro….. è ora di incamminarmi verso le verdi colline romagnole (ed arrivare in tempo a Santa Sofia!).

Buon fine settimana a tutti. (camminate gente! camminate!)

MIC/Aiap_ concorso con sorriso

La parte istituzionale:

Martedì 15 maggio, ore 09:30_ Il MIC – Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza – nel 2011 è stato insignito del titolo di “Monumento UNESCO testimone di una cultura di pace – Espressione dell’arte ceramica nel Mondo”, grazie alla sua storia museologica e al suo straordinario patrimonio. Nell’ottobre 2010 è stato avviato il progetto europeo Mu.Com, gestito dall’Università La Sapienza di Roma e dedicato alla formazione del comunicatore museale, di cui il MIC è partner (unitamente a Università di Roma – Dipartimento di Studi Europei, Americani e Interculturali, Università Lucian Blaga in Sibiu, National Brukenthal Museum in Sibiu, EURO INNOVANET, Regional History Museum “Academician Jordan Ivanov” in Kyustendil, Provincia di Ragusa e Oake Associates in Manchester) e come tale ha scelto una progettazione grafica della propria immagine, in grado di divulgare il riconoscimento Unesco come esperienza comunicativa da trasmettere nel workshop Mu.Com del 15 maggio 2012.
Si parte quindi da un evento che ha segnato per il Museo un momento di fondamentale importanza, sia per l’autorevole riconoscimento ottenuto, che per il coinvolgimento di tutto il territorio nel raggiungere tale obiettivo.
L’immagine del MIC da trasmettere è quella di un luogo privilegiato, non solo sul piano artistico e di riferimento per la ceramica antica, moderna e contemporanea, nazionale ed internazionale, ma anche di un Museo sede di incontro e dialogo fra le civiltà del mondo, ricco di attività didattiche che mettono in dialogo culture differenti attraverso progetti che investono tutto il territorio, non solo locale. Comunicare il museo è comprendere e trasmettere la nostra identità.

 

La mia parte:

ho partecipato con grande onore e passione al concorso indetto dal MIC grazie alla collaborazione tecnica di AIAP (di cui sono socio, orgogliosamente dal 2006)_ poter creare un manifesto per comunicare uno dei fulcri artistici della città che mi ospita non capita tutti i giorni!

…… che poi un mio errore nella corsa last minute per consegnare gli elaborati in tempo abbia fatto si che il mio sia stato l’unico escluso, mi fa sorridere! (in genere cerco di avere un buon controllo – abbastanza teutonico – di tutto ciò che faccio, dalla progettazione alla consegna del materiale!)_

a volte l’errore genera sorriso! (ed una bella lezione per la prossima volta)……

(ps: grazie alle mani abili di Simone Luschi)